In questo momento così particolare per tutti, anche gli Angeli del Pane hanno deciso di prendersi una pausa. Stufi dall’essere assaliti nei supermercati, o ridestati continuamente da mani di grandi e piccini hanno deciso di lavorare anche loro in Smart Working.

Ma tranquilli possiamo dare dei suggerimenti! Si dice molto delle Scuole Waldorf, tuttavia solo chi ha avuto la fortuna di partecipare ad un Bazar di Natale o ad una Festa stagionale della scuola sa quanto siano brave le “mamme – Waldorf” in cucina.

Inizia tutto con la Festa d’Autunno quando, dopo che ti sei ripromessa per tutta l’estate di non esagerare con il cibo, ti accorgi che non ce la fai, perchè la mamma-Waldorf è pronta a coglierti di sorpresa, appena giri l’angolo, con un tavolo pieno di dolciumi. 

Si prosegue, poi, con il Bazar di Natale per il quale si inizia a mangiare giorni prima, durante i preparativi e si arriva al giorno dell’evento che precede il Natale pieni come dopo il cenone della Vigilia! Le danze si aprono con il tavolo degli antipasti per giungere pian piano al tavolo del famosissimo Gruppo Forno, quello della pizza Napoletana!

Dinanzi a quel forno la fila è lunghissima, volano sorrisi ma… attenti…quando si tratta della pizza non esistono amici o parenti: si è soli!

Dopo il Bazar si va subito a casa ad iniziare una cura depurativa per preparare stomaco ed intestino alle pietanze della Festa di Primavera (ahimè quest’anno dobbiamo rinunciare!) La dieta dura talmente tanto che quando si arriva alla festa sembra tutto commestibile, persino i lavori in cera delle prime classi!

Tra un fiore e l’altro si arriva, così, alla Festa di San Giovanni, che fortunatamente è di sera e ci si può muovere con più libertà senza essere smascherati, ma sempre rimanendo desti: le mamme-Waldorf come i gatti vedono anche di notte!

Che dire, le festività e le cibarie sono tante, fortunatamente le stagioni sono solo 4!

A tenerci compagnia in cucina (e lontane dai lieviti ormai esausti) e a darci preziosi consigli, durante la quarantena di questi giorni, ci sono due mamme della Scuola Waldorf l’Arco d’Oro di Roma: Ghislana B. Crociani e Daniela Maffuccini autrici del gustoso libro “Il Tegamino” pubblicato da Natura e Cultura Editrice, reperibile presso la nostra Scuola, ma visto che è difficile in questo periodo potersi spostare per recuperarlo, abbiamo pensato di pubblicare noi qualche ricetta appetitosa.

Se non avete a disposizione alcuni tra gli ingredienti, potete ordinare la vostra spesa presso NaturaSì e ve la spediranno a casa nel giro di 48-72 ore.

Vi ricordiamo anche che la nostra scuola ha aderito, come le altre realtà Waldorf del Lazio, alla convenzione con EcorNaturaSì che ci riconoscerà il 5% dell’importo della spesa annuale fatta, collegando in cassa la propria carta fedeltà alla “Scuola Steiner Il Giardino dei Cedri”. 

Sfogliando il libro “Il Tegamino” ci sono tantissime ricette, pubblicheremo la ricetta delle melanzane alla parmigiana e del risotto alle fragole.

Ingredienti:

  • 3 grosse melanzane (1,5 kg)
  • 1,5 L di passata di pomodoro
  • farina di riso q.b.
  • 500 gr di mozzarella
  • 150 gr di parmigiano
  • olio per friggere 
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 cipolla
  • basilico
  • olio evo
  • sale marino integrale


Tagliamo le melanzane a rondelle spesse circa mezzo cm. Le disponiamo in uno scolapasta salandole tra uno strato e l’altro e sopra mettiamo un piatto con dei pesi. Poi le risciacquiamo e le friggiamo finchè non diventano belle dorate. A parte, prepariamo una salsa di pomodoro abbastanza lenta con la cipolla, l’aglio e il basilico. Infine, in una teglia grande da forno stratifichiamo le melanzane, la salsa e la mozzarella. All’ultimo strato aggiungiamo una manciata di parmigiano. Inforniamo e cuociamo finchè non si forma una crosticina. Per una versione light si utilizzano melanzane grigliate.

Ingredienti:

320 gr di riso carnaroli

mezzo bicchiere di vino bianco

1L circo di brodo vegetale

1 scalogno

2 cucchiai di olio evo

40 gr di burro

80 gr di caprino o di stracchino

250 gr di fragole

1 cucchiaio di erba cipollina fresca tritata 

sale marino integrale

 


Tritiamo finemente lo scalogno e lo facciamo appassire in una casseruola con olio di oliva per circa 5 minuti. Aggiungiamo il riso e facciamolo tostare per 2-3 minuti. Sfumiamo con il vino e lasciamo evaporare l’alcol. Aggiungiamo il brodo vegetale caldo e regoliamo di sale. Lasciamo cuocere il riso per 15-20 minuti circa. Laviamo le fragole e le tagliamo a piccoli pezzi. A fine cottura mantechiamo il riso con il caprino e il burro e aggiungiamo infine le fragole e l’erba cipollina. Si può servire con qualche goccia di riduzione di aceto balsamico.