scuola dell'infazia steinerianaNei primi anni di vita il bambino è in completa relazione con il mondo. E’ il mondo degli adulti che lo circonda, sono le sue innate forze di imitazione a permettergli di imparare a camminare, parlare, pensare, a giocare e a dire “io” a se stesso.

Senza l’esempio di altri uomini il bambino non impara a crescere in modo armonico da nessuno punto di vista: fisico, animico, spirituale.
E il bambino è in questo periodo della sua vita totalmente immerso e aperto all’ambiente: i suoi sensi s’imbevono di stimoli, parole, tensioni, colori, sapori, suoni, gesti…
Enorme è dunque la responsabilità degli educatori che lo circondano: genitori in primo luogo e maestri dovranno essere accanto, attorno al bambino con chiari pensieri e vigorose forze volitive, portandogli incontro gesti sensati, una sana ritualità e un ambiente adatto a proteggere la sua crescita.

IL GIARDINO D’INFANZIA
E’ il mondo della fantasia e del ritmo, della fiaba e del gioco, delle filastrocche e del contatto con la natura. Qui i bambini dai tre ai sei anni vivono immersi in un’atmosfera di calore e contenimento, che ricorda e prolunga il nido familiare e l’abbraccio materno.

IL RITMO DELLA GIORNATA
materna1
I bambini giocano liberamente con i materiali disponibili in classe: dai tavoli alle bambole di lana, dai pezzetti di legno alle conchiglie, tutto è bello e utile per immergersi nella fantasia, senza giochi preconfezionati che rendono i piccoli passivi e inerti.

Dopo il gioco, si riordina l’aula e, sembra impossibile, ma anche il bambino più riottoso è felice di partecipare.

Poi c’è la merenda a base di frutta, il riposino per i più piccoli, l’uscita in giardino, il racconto della fiaba, la filastrocca e il girotondo, il teatrino con le marionette fatte a mano.
Ogni maestra segue un ordine diverso nelle attività, secondo la propria sensibilità ma senza dimenticare l’importanza del ritmo, dell’alternanza di espansione e concentrazione che denota la giornata.

LE ATTIVITA’ DELLA SETTIMANA
Il disegno, la tessitura, l’euritmia, la pittura, fare il pane, modellare la cera o un’escursione al vicino Parco dell’Insugherata caratterizzano i diversi giorni della settimana. Tutte le attività sono legate alle stagioni e alle feste dell’anno: San Michele (29 settembre), San Martino (11 novembre), l’Avvento,  la festa d’autunno, il Natale, la Pasqua, la festa di primavera, San Giovanni (24 giugno).
Ogni ricorrenza ha i suoi riti, carichi di elementi naturali e spirituali, e il suo messaggio umano e morale.

SEMINARI TENUTI DALLE MAESTRE SUI PRIMI TRE ANNI
Ogni anno le maestre della scuola materna in collaborazione con esperti puericultrici, medici e psicologi organizzano il ciclo di incontri su L’attesa, la nascita, i primi 3 anni dedicato alle nuove o future mamme che sentono la necessità di incontrarsi per scambiarsi consigli, idee e conoscenze e per condividere l’esperienza di essere madri. Per informazioni rivolgersi in segreteria

I NOSTRI ASILI

Nel Giardino dei Cedri sono attualmente presenti due asili per bambini dai tre a i sei anni e un Asilo Nido per bambini dai 18 ai 36 mesi.